Scroll to top

Ensi: “Tutto il mondo è quartiere” esce in versione remix


No comments

Il 21 aprile 2017 usciva “Tutto il mondo è quartiere” il primo singolo di “V”, quinto ed ultimo album di Ensi. Da “Rock Steady” sono successe tante cose ed Ensi in questi anni è una persona che è molto cresciuta. Tante serate, tanti palchi, un figlio, l’età che aumenta, sono tutte cose che, anche se non vuoi, cambiano il tuto modo di approcciarti al microfono ed alla scena in generale. In “V” Ensi, attraverso le quattordici tracce che lo compongono, racconta la sua vita privata, i rapporti interpersonali, ma anche questioni sociali ed integrazione raziale; c’è la sua visione a 360° del rap, dai momenti più leggeri ai macigni dove mette in mostra le sue doti tecniche. La profondità e la ricerca dei testi lega perfettamente un lavoro musicalmente molto vario che si compone di modernità e richiami all’hip-hop più classico. Vanta produzioni di Low Kidd, Phrà (Crookers), The Ceasars, Orang3 & Frenetik, The Night Skinny e Vox P, e collaborazioni con il Cile, Clementino, Luchè e Gemitaiz & MadMan. Dopo il successo di “V”, che è stato da subito ai vertici delle classifiche di settore in Italia, esce oggi il remix di “Tutto il mondo è quartiere”. Il pezzo è quanto mai attuale. In un periodo in cui si parla tanto d’immigrazione, emigrazione, classi sociali, razze e quant’altro, è necessario sentire anche la voce di qualcuno che queste cose le ha viste e vissute sulla propria pelle. Ensi qualche tempo fa in TV raccontava di quanto sia strana la vita e di come oggi, nel 2018 i nomi dei compagni di scuola o di gioco dei nostri figli, sappiano di Africa, Cina, Arabia, Tunisia, Brasile e America Latina e che noi non siamo altro che il frutto di quella che tanti anni fa è stata l’emigrazione degli Italiani dal Sud al Nord o dall’Italia all’America. Questo deve fare molto riflettere prima di stabilire ciò che è giusto per noi e per i nostri figli, per la nostra città e per il nostro Paese. “Siamo quello che siamo” – dice Ensi in featuring con i giovani rapper Slava,Mosè Cov, Mr.Greg, Tommy Kuti e Yank – “ perché veniamo da dove veniamo e andiamo dove decidiamo di andare. Ho chiesto a dei ragazzi che ritengo interessanti di provare a fare lo stesso e il risultato sono punti di vista diversi, culture diverse e quindi più ricchezza per tutti. Sarei felice se qualcun altro volesse portare avanti l’esercizio.»

Il 2 febbraio ENSI porterà il suo “V Tour” al Gate di Milano per uno show d’impatto in cui alternerà i brani dell’ultimo disco ai classici della sua discografia con nuovi mash-up, strofe inedite, e in cui non mancheranno momenti di improvvisazione e special guests.

 

Related posts